Morta dopo test di intolleranza, tre gli indagati

  • 2014-03-10 12:22:28

images (59)

Barletta, le accuse sono per omicidio colposo, cooperazione in omicidio colposo e lesioni. A Rovigo e Mantova maxi sequestro di sorbitolo
17:36 - Tre persone sono indagate per omicidio colposo, cooperazione in omicidio colposo e lesioni nell'ambito delle indagini sulla morte di una donna e il malore avvertito da altre due, dopo aver effettuato un test per intolleranze alimentari. Le analisi, effettuate assumendo sorbitolo, erano state fatte in uno studio privato di Barletta. 
La vittima è Teresa Sunna, di 28 anni. La giovane donna si era recata nel centro polispecialistico del dott. Ruggiero Spinazzola, dove le era stato somministrato sorbitolo, additivo alimentare che le avrebbe provocato il decesso. Al momento non sono state rese note le generalità delle persone indagate. Lunedì mattina è previsto un vertice in procura per fare il punto sulle indagini. Sequestrate mille tonnellate di sorbitolo in due aziende di Mantova e Rovigo Mentre le indagini della polizia proseguono per verificare che non vi siano altre partite del sorbitolo somministrato alle pazienti di Barletta in circolazione, i Nas dei carabinieri di Padova hanno effettuato un maxi sequestro cautelativo della stessa sostanza. Gli uomini dell'Arma hanno scovato in due aziende di Rovigo e Mantova mille tonnellate di sorbitolo (Foodgrade). Intanto sempre i carabinieri del Nucleo antisofisticazioni stanno cercando di capire in quale fase, eventualmente, la sostanza possa avere subito sofisticazioni, se in fase di produzione o commercializzazione.
 

Allerta del ministero della Salute

Il ministero della Salute ha lanciato un allerta per il sorbitolo acquistato su Ebay. "In relazione agli sviluppi della vicenda di Barletta - dice l'allerta - il ministero della Salute invita coloro che hanno eventualmente effettuato acquisti di sorbitolo su Ebay di non farme uso e richiedere prontamente l'intervento dei carabinieri del Nas ai fini del campionamento delle analisi".

Ma il ministro Balduzzi rassicura: "Nessun allarme"

"Non ci sono le condizioni per un allarme sanitario generalizzato" relativamente ai prodotti contenenti sorbitolo. Lo afferma in un messaggio audio il ministro della Salute, Renato Balduzzi, che in relazione alla vicenda della donna morta a Barletta chiarisce che la situazione "è attentamente sotto controllo"  

Concentrazione eccessiva della sostanza?

Dall'indagine della procura di Trani sulla morte di Barletta e sui danni arrecati alle altre due pazienti finora sarebbe emerso che il sorbitolo usato, che era stato acquistato on-line dall'Inghilterra, era del tipo destinato ad usi industriali e non alimentari. Probabilmente, poi, la soluzione conteneva qualche sostanza tossica non prevista (probabilmente nitrati) ma presente nella confezione del preparato messo poi in vendita su EBay. Per questa ragione tramite le autorità sanitarie, è stato diffuso in tutta Italia l'allerta per evitare che la stessa sostanza letale venga utilizzata impropriamente.
 

Cerca nel sito