Calcioscommesse: arrestati tre ultrà del Bari Minacciavano i giocatori per farli perdere

  • 2014-03-09 18:36:13
10/05/2012 ore 8:39 - I carabinieri di Bari hanno arrestato tre capi ultrà nell'ambito delle indagini sul calcioscommesse. Gli indagati sono accusati di aver chiesto ad alcuni calciatori del Bari nel campionato di serie A 2010-2011 di perdere almeno tre partite per potersi così assicurare forti vincite con le scommesse fatte.   Il reato contestato è di concorso in violenza privata aggravata. Dalle indagini non sarebbero emersi collegamenti dei capi ultrà con ambienti della criminalità organizzata, come invece ipotizzato in un primo momento. I provvedimenti di arresto sono stati notificati ad Alberto Savarese (posto agli arresti domiciliari), Raffaele Lo Iacono e Roberto Sblendorio (in carcere). Di loro avevano parlato negli interrogatori a cui sono stati sottoposti nei mesi scorsi l'ex centrocampista barese Marco Rossi, ora al Cesena, e l'ex capitano del Bari Jean Francois Gillet, ora portiere del Bologna. Entrambi hanno sostenuto che le richieste degli ultrà furono respinte.
  fonte: tgcom24.mediaset.it

Cerca nel sito