E-Mail dal Messico per la FAMIGLIA CELENTANO: "Sono ANGELA mi Sono Riconosciuta in quella Foto"

  • 2014-03-07 11:24:12
24/09/2012 - ROMA 
La famiglia di Angela Celentano durante un'intervista alla trasmissione televisiva "I Fatti Votri", ha deciso di rivelare all'Italia un incredibile sviluppo sulle ricerche di loro figlia: il 25 Maggio del 2010, sarebbe stata inviata dal Messico  una email,  in cui una ragazza di nome Celeste, dice di riconoscersi in quella foto da bambina e nella storia di Angela. I coniugi raccontano, che la presunta figlia stia bene e che vorrebbe continuare a rimanere lì. Da quel momento in poi è iniziato uno scambio di email tra Rossana, (la sorella di Angela) e la ragazza.
Si legge nella prima email: ''Ho visto le foto molte volte e mi fanno sempre piangere, perché so che quella della foto sono io e non ti posso dire il mio vero nome ma vivo in Messico e sono felice dove sto. Non preoccupatevi per me nemmeno potrei tornare con voi, perché non potrei separarmi da questa famiglia che ho visto per dodici anni e quasi non ho più ricordi di voi, fino a che ho visto le foto. Ma credetemi amo anche voi. Sono felice, non mi cercate più''.
Poi la ragazza avrebbe mandato loro una foto attuale (foto in primo piano), alla cui vista i genitori si sarebbero commosi, rimanendo stupiti per l'incredibile somiglianza con la foto elaborata dal computer per l'invecchiamento del soggetto (vedi sotto)

angela-celentano-foto
In un'altra email Angela avrebbe raccontato la storia della sua infanza: sarebbe stata abbandonata da una domestica di cui se ne sarebbero perse poi le tracce, ai suoi attuali genitori. Inoltre dalla lettera si evince che al compimento del suo 18esimo compleanno, la ragazza sarebbe stata disposta a venire in Italia per l'esame del DNA. La corrispondenza epistolare fra le due sorelle sarebbe continuata per un anno e mezzo, ma poi è terminata  quando la polizia italiana si è recata in Messico in virtù di accertamenti a verificarne la vera identità della ragazza. Alle indagini hanno collaborato un team di esperti quali polizia postale, Interpol, polizia messicana, procura di Torre Annunziata e due procure messicane; questi avrebbero rilevato attraverso tracce del computer, l'idenficazione di un'abitazione in Messico;  ma quando sono sopraggiunti sul luogo, della ragazza non c'era alcuna traccia.

Qui hanno sequestrato i computer di una famiglia, dentro i quali alcuni dati importanti sarebbero stati cancellati; la famiglia costituita da padre (un pm della procura della città messicana),  madre (una dipendente del ministero di giustizia) e due figli, hanno negato di aver inviato i messaggi, anche se, senza alcun ombra di dubbio, i messaggi son partiti propria da quell'abitazione. Inoltre gli inquirenti avrebbero effettuato l'esame del dna sui due ragazzi della coppia e sui due genitori ma nessun risultato è uscito fuori. Attualmente le ricerche su Angela sono ancora in corso, mentre l'intera famiglia è ora sotto inchiesta per false dichiarazioni al pubblico ministero.
 

Cerca nel sito