FEMMINISTE contro la SHARIA alle OLIMPIADI 2012 - (FEMEN against SHARIA)

  • 2014-03-07 12:00:11
against sharia 6
Le FEMEN, gruppo femminista anarchico ucraino da sempre in lotta contro il sessismo femminile, ha fatto parlare ancora una volta di sè alle Olimpiadi 2012 di Londra, protestando contro il Comitato Olimpico Internazionale (IOC), per aver fatto partecipare ai giochi Olimpici attivisti islamici, nonchè accaniti sostenitori della Sharia, dura legge islamica per la quale ogni anno vengono uccise molte donne.

A detta delle FEMEN, la IOC ammettendo la partecipazione di costoro ai giochi olimpici, avrebbe in qualche maniera appoggiato il regime sanguinario dell'Islam e dunque anche della SHARIA.
Una portavoce delle FEMEN, dichiara testualmente:

 ' La Femen obbliga agli Stati che applicano le leggi della sharia, di essere tagliati fuori dei giochi olimpici, a causa della disumanità di queste leggi, che sono in totale contraddizione con i principi olimpici che sono la pace e la filantropia.

'La Femen accusa questi stati di simulare cambiamenti democratici per quanto riguarda la posizione delle donne.
'Con il sostegno della IOC, questi governi islamici utilizzano la partecipazione delle donne ai giochi olimpici,  nascondendo migliaia di vittime e morti.

'Se la IOC continua a "flirtare" con l'Islam radicale, nuove discipline olimpiche, come la lapidazione o la velocità di violentare verranno aggiunte  alla gara.'

Lo IOC tuttavia si dichiara estraenea a fatti politici interni di altri Stati, dicendo che i Giochi Olimpici non sono Politica e che il concorso è aperto a tutti gli atleti del mondo, nel pieno rispetto dei principi umani (anche l'esclusione degli integralisti sarebbe una forma di discriminazione)
Le Femmiste, alcune in Top less, altre in abiti maschili dell'Islam, hanno protestato al grido di "NO SHARIA", invadendo la strada londinese nei pressi del Tower Bridge, ma bloccate sul nascere dalla polizia locale. Ecco i momenti più salienti.
(photo courtesy of AFP/GETTY IMAGES)
 
 

Cerca nel sito