Alimenti e salute: HORROR DOSSIER!!! Mc Donald fast-food

  • 2014-03-10 18:49:17

In questi ultimi anni si è assistito ad un numero sempre più crescente di assidui consumatori di prodotti Mc Donald (o di altre famose catene di ristoranti), un pò per moda, un pò per la vita frenetica a cui si è soggetti, senza che mai a qualcuno sia sorto il dubbio che cosa si ingerisse realmente  durante uno spuntino hot-dog, oppure consumando una semplice vaschetta di patatine fritte. Ma quando leggerete questo HORROR DOSSIER alimenti e salute che ho realizzato grazie alle molteplici testimonianze di ex-mcdonald dipendenti raccolte qua e la dalla rete, scoprirete cose davvero allucinanti, che forse non vi sareste mai aspettati.... Ma ora vediamo prima alcuni cenni di come è sorto il fenomeno McDonald in America, arrivato nel nostro paese e divenuto il locale più frequentato dell'ultimo millegno amato da grandi e piccini.

Fondata dai fratelli McDonald’s (Richard e Maurice) nel 1940 a San Bernardino  in California, il ristorante inizialmente ebbe un discreto successo, tanto che tredici anni dopo,  concessero in franchising il loro marchio, aprendo così un secondo ristorante a Phoenix, in Arizona. La svolta nella storia dell’azienda si ebbe nel 1955, quando Ray Kroc, fornitore di frullatori, fondò la “McDonald’s Systems, Inc.” (che fu poi ribattezzata “McDonald’s Corporation”);  nel 1967 fu aperto il primo ristorante all’esterno degli Stati Uniti e per la precisione a Richmond in Canada,  mentre il 1971 fu l’anno del primo fast food in Europa ed esattamente in Olanda. Da allora si espanse a macchia d’olio in tutto il Mondo, diventando così una potentissima multinazionale, emblema della globalizzazione.

In Italia, il primo ristorante fu aperto il 4 novembre 1985  a Bolzano  (dove chiuse poco dopo), mentre l’anno successivo fu la volta di Roma a Piazza di Spagna. Nel 1996 segnò una svolta per McDonald’s Italia,  l’acquisizione della principale società concorrente avente 80 ristoranti nella penisola, l’italiana “Burghy”, di proprietà della “Cremonini S.p.A.”.

 


In virtù del passaggio di proprietà, la ditta modenese si aggiudicò la fornitura di carne bovina per la zona italiana, e anche per diversi Paesi esteri. I clienti serviti in Italia sono, secondo le cifre fornite dall’azienda nel 2006, oltre 180 milioni all’anno (circa 600.000 al giorno), con 340 ristoranti in 19 regioni. Attualmente il numero dei locali è in costante aumento e per quest’anno sono previste altre nuove aperture.

Molti sono i casi di proteste e polemiche che hanno coinvolto la McDonald’s, sia per quanto riguarda la qualità dei prodotti utilizzati e sia per le condizioni lavorative a cui sono sottoposti i dipendenti. Emblematico se non suggestivo, è diventato il film-documentario “Super Size Me”, diretto ed interpretato da Morgan Spurlock, un filmaker statunitense che a seguito di una denuncia di due ragazze contro la corporation per aver provocato loro l'obesità, decise di sottoporsi come cavia ad un rigido esperimento:  per un mese consecutivo mangiò solamente cibo venduto da McDonald’s, tre volte al giorno, interruppe contemporaneamente ogni attività fisica e documentò di volta in volta tutti i cambiamenti fisici e psicologici avvenuti. Oltre a questo, Spurlock dimostrò come questa multinazionale  incoraggi ad un’alimentazione scorretta per massimizzare il proprio profitto.

GUARDATE LA STORIA DI JESSICA FUTTER, UNA BAMBINA "MACDONALD DIPENDENTE" E COME HA INCISO CIO' SULLA SUA VITA



Spurlock allora 33enne,  era in salute e magro, 1,88 centimetri di altezza per 84 kg di peso, prima dell’esperimento; dopo 30 giorni di colazioni, pranzi e cene nei locali della catena, guadagnò 11 kg ed incrementò la sua massa corporea del 13%. Durante l’esperimento, inoltre, Spurlock si trovò a provare improvvisi e repentini cambi di umore, disfunzioni sessuali e danni al fegato, i quali lo portarono in condizioni critiche alla fine dello stesso. A detta dei 3 diversi medici che lo visitarono (e che compaiono nel film) la causa di tali problemi era l’eccessiva quantità di calorie assunte, la grande quantità di caffeina e soprattutto gli zuccheri e grassi contenuti nei cibi.



.......e non finisce qui!!! Spurlock durante il periodo di test, fece anche degli esperimenti sul cibo del noto fast-food, e i risultati furono sorprendenti! Provò a conservare contemporaneamente in due contenitori separati, patatine e panini appena acquistati dal McDonald e medesimi cibi preparati in casa e vide i risultati dopo 10 settimane.... mentre i prodotti fatti in casa avevano subito un regolare processo di putrefazione, i prodotti della Mc Donald parevano non deteriorarsi mai... Prodotti geneticamente modificati? Trattati con additivi particolari? Ecco il video shock dell'esperimento:



Altro scandalo che ha coinvolto ancora una volta la McDonald’s, è stato quello relativo alla “mucca pazza”,  che ha comportato un calo dei clienti in tutto il Mondo, per timori relativi alla dubbia provenienza delle carni utilizzate nei panini. La società Cremonini, distributrice in Europa, si è difesa affermando che loro sono solo preposti al trattamento della carne ma non all’allevamento dei bovini.

.....e per finire in bellezza, lo scandalo dei bicchieri cancerogeni!! La McDonald’s, infatti ha dovuto  ritirare dal mercato oltre 12 milioni di bicchieri di plastica con i personaggi di Shrek, perché il disegno conteneva cadmio, un elemento chimico tossico che provocherebbe problemi di respirazione, e se ingerito, addirittura avvelenamento al fegato ed ai reni. I presunti bicchieri fuori legge erano prodotti in Cina.
La tecnica delle multinazionali è sempre la stessa: produrre le proprie merci nei Paesi asiatici a basso costo con materie prime pericolose per la salute, con la speranza di non essere scoperti e guadagnare così ingenti capitali. Spesso tali prodotti sono destinati ai bambini, com’è già accaduto in passato con la Mattel, con il latte in polvere o il liquido nel cartone.

Che McDonald’s sia davvero sul viale del tramonto? Chissà. Nel frattempo, affidiamoci ad una cucina genuina e casalinga per soddisfare tutte le nostre  golosità, questa è la scelta più sicura e saggia da fare.

LEGGI QUI ALTRE NOTIZIE "HORRORIFICHE" SUI CIBI SPAZZATURA:  il  KEBAB

Cerca nel sito