Uomo sopravvive 28 giorni su una barca alla deriva

  • 2014-01-19 18:41:25

117

A pesca con due amici, loro muoiono lui si salva bevendo pioggia

(ANSA) - CITTA' DI PANAMA, 27 MAR - Un giovane di 18 anni, Adrian Vasquez è stato salvato dopo aver trascorso 28 giorni alla deriva nell'oceano Pacifico su una barca da pesca. Vasquez è stato soccorso a nord delle isole Galapagos, a più di 600 chilometri da Panama, da dove era partito con due amici, morti entrambe, per una battuta di pesca per arrotondare lo stipendio. Il sopravvissuto, che si è salvato grazie ad un temporale (bevendo la pioggia) quando era al limite delle forze, è stato trasferito a Guayaquil, in Ecuador, dove il console di Panama segue il caso. Le ricerche in mare erano andate avanti per alcuni giorni, ma erano state successivamente sospese. A raccontare l'odissea è stato lo stesso Vasquez, soccorso da un peschereccio comandato dal capitano Hugo Espinosa, ed essere stato curato per il grave stato di denutrizione e disidratazione. Il 24 febbraio scorso Vasquez e due amici stavano tornando a Rio Hato, a Panama, dove il giovane è impiegato presso l'hotel Decameron, quando il motore dell'imbarcazione è andato in avaria. Per i primi giorni i tre sono sopravvissuti alimentandosi col pesce che avevano pescato, ma quando il ghiaccio per la conservazione è finito, hanno mangiato quello che riuscivano a prendere con le loro reti. "Lo spirito di sopravvivenza ha cominciato però a diminuire col passare del tempo", spiega il capitano Espinosa. Oropeces Betancourt, di 24 anni, ha smesso di mangiare e bere dopo un paio di settimane, ed è morto il 10 marzo. Tre giorni più tardi il cadavere ha iniziato ad andare in decomposizione e lo hanno gettato fuoribordo. L'altra vittima di questa terribile vicenda, Fernando Osorio, di 16 anni, è morto cinque giorni più tardi per la disidratazione e le scottature del sole. Così come nel caso di Betancourt, il suo cadavere era stato buttato in mare. Secondo quanto spiega il capitano Espinosa, " quando il giovane era ormai sul punto di morire è scoppiato un temporale e, bevendo la pioggia, si è salvato". Vasquez ha poi trascorso gli altri cinque giorni mangiando del pesce crudo prima di essere salvato dall'equipaggio di Espinosa. Una volta a bordo il sopravvissuto ha chiesto un telefono per due chiamate: una alla madre e l'altra al proprietario dell'albergo dove lavora spiegandogli perché non era potuto andare al lavoro. (ANSA). AN/ fonte ansa.it

Cerca nel sito