Ragni killer nelle BANANE del Brasile: Rassicurazioni

  • 2014-03-02 17:19:23
ragni-killer-nelle-banane1
Pochi giorni fa si è appresa la notizia circa una colonia di ragni killer nei caschi di banane provenienti dal Brasile, rinvenuti da una famiglia londinese e costretta a trasferirsi temporaneamente fuori casa per qualche giorno per agevolare le operazioni di disinfestazione. La signora Consi Taylor, 29enne che aveva acquistato le banane in un supermercato della catena della Sainsbury’s, arrivata a casa si era accorta della strana presenza di un bozzolo pieno di piccoli ragnetti e lamentando la cosa al direttore del supermercato, ha ottenuto un rimborso spesa del valore di 10 sterline.
 
Fatte le dovute indagini, si è scoperto che quella razza di ragni apparteneva effettivamente alla temuta specie denominata Phoneutria nigriventer, originaria del Brasile il cui morso è altamente letale. Ciò, ha fatto scattare l'allarme generale nella tranquilla cittadina londinese e in particolare nella signora Taylor, che ha dovuto lasciare casa per qualche giorno per permettere le operazioni di disinfestazione. Da lì a poco la notizia si è diffusa in tutto il mondo e oggi la gente teme di acquistare banane per paura di incontrare l'indesiderato ospite. A tal proposito,  ilfattoalimentare.it ha intervistato l'entomologo Maurizio Pavesi del Museo di Storia naturale di Milano, per fargli alcune domande sulla vicenda.
 

"E' possibile che i ragni si nascondano nelle banane?"

 
« Certo, se si tratta veramente del temuto ragno della specie Phoneutria nigriventer», commenta Pavesi, «il pericolo è reale perché è molto velenoso e il morso potrebbe persino avere esito letale, anche perché i nostri centri antiveleni normalmente non dispongono sul momento di sieri in grado di contrastare il veleno, antidoti che per essere efficaci devono essere somministrati tempestivamente».
 
" E' vero anche che ci sono altre specie di ragni che possono rinvenirsi nei caschi di banane, altrettanto inquietanti ma non certo pericolosi. La specie ritrovata dalla signora Taylor si tratta effettivamente della specie Phoneutria nigriventer. Attenzione però – spiega Pavesi – il pericolo esiste se nelle banane si trova il ragno adultoNelle foto circolate in rete si vede un bozzolo contenente le uova da cui presumibilmente sono nati tanti ragnetti che sono usciti dopo la schiusa. Questi piccoli appena nati non sono in grado di mordere e iniettare il veleno. Inoltre in nessun articolo viene riportata la presenza del ragno adulto.»
Phoneutria-nigriventer
Nell'intervista Pavesi specifica ancora che è in aumento in Occidente la presenza di specie non autoctone perché le merci arrivano da lontano in meno tempo rispetto al passato, garantendo la sopravvivenza dell’intruso. Questo però non vuol dire che quando il nostro ragno arriva in Europa abbia grandi possibilità di vivere e riprodursi. Nella fattispecie questi ragni vivono in ambienti caldi e umidi dove è facile procurarsi il cibo tutto l’anno e difficilmente si adatterebbero a vivere nei nostri climi o peggio ancora in un ambiente secco come l’interno di una casa.
 
Dunque Pavesi tranquillizza dicendo che si trattano di episodi rarissimi, anche perchè le merci alimentari sono soggetti a controlli molto scrupolosi. Ricordate qualche anno fa lo stesso episodio accaduto Milano?  Alla fine tutto si è concluso presto, senza conseguenze per nessuno.
 

Cerca nel sito