Rivelazioni Sconcertanti: Giovanni Paolo II, venditore di Zyklon B ai Campi di Concentramento

  • 2014-03-07 11:35:20
libro-crimini-chiesa
Durante le vacanze estive, mi è capitato così per caso di sfogliare un libro che parlava dei crimini contro l''umanità commessi dal papato. A tal proposito è caduto il mio guardo proprio su un episodio sconcertante che parlava di Giovanni Paolo II, durante la 2 Guerra Mondiale. Pur ritenendomi vicina alla dottrina cristiana e quindi monoteista e cristocentrica, rifuggo fortemente qualsivoglia setta o religione che abbia pretese di trasformare una dottrina spirituale in una mera organizzazzione ecclesiastico-clericale, quali per esempio TDG, mormoni, evangelici, cattolici, ecc.

Ma nonostante ciò non ho mai disprezzato il papa nella persona di Karol Wojtyla e del suo operato; ma non avrei immaginato che l''ex Vicario di Cristo fosse stato addirittura quell' uomo che prima della conversione avesse venduto acido clanidrico destinato ai campi di sterminio nazisti. E' vero anche che la Bibbia ci ricorda un episodio simile quando parla di Paolo, testimonianza di un amore agapao, che tutto perdona e tutto dimentica.... questo è vero. Ma ci sono casi e casi, specialmente quando la richiesta di perdono sia fatta in modo spudoratamente strumentale!

Per capir meglio, occorre andare in ordine con i fatti. L' incredibile notizia, sconosciuta a molti, sarebbe  trapelata da un ex ufficiale della marina americana William Cooper, addetto al servizio informazioni, attraverso la pubblicazione di un suo libro che parla di Wojtyla quando fu assunto negli anni '40 dall''industria chimica IG Farben. Il giovane chimico infatti fu preposto alla vendita di una particolare composizione chimica a base di acidi prussico, cianidrico e malatione chiamata Zyklon B, studiato per sterminare in poco tempo migliaia di vittime ad Auschwitz.

Ma alla fine della guerra mondiale, il piccolo chimico, come tanti altri criminali di guerra, trovarono ristoro fra le braccia di "Madre Chiesa", forse più come escamotage che per devozione elettiva. Infatti dopo aver frequentato il seminario, nel 1958 divenne vescovo di Polonia e nel 1978 la sua fulgida carriera lo portò a diventare papa , subito dopo la misteriosa morte di papa Luciani.

Giovanni Paolo II nel corso degli anni nelle vesti di Vicario di Cristo, non osò mai palesare questa piccola "macchietta" del suo passato, anzi nel 2000 si scusò pubblicamente per tutte le brutture commesse in passato dagli ALTRI PAPI durante la SANTA INQUISIZIONE. E le scuse pubbliche furono fatte SOLO a seguito delle rivendicazioni di un comitato di 28 studiosi e teologi che grazie ad un duro lavoro durato 4 anni, fecero uscire allo scoperto tutti "gli scheletri nell'armadio" della Chiesa Cattolica.

A questo punto trova veramente riscontro quella sacrosanta frase che dice: "Non guardare la pagliuzza nell'occhio di un tuo compagno, quando tu hai la trave!" Comunque se ci tenete a scoprire altri misfatti e storie mai rese note, vi consiglio di leggere questo libro, edizioni - Newton Compton Editori.
     

Cerca nel sito