Consumi abitualmente Doner Kebab? Leggi quest'articolo

  • 2014-03-10 18:58:13
16943
Il kebab piace. Per il gusto, per il prezzo, per la varietà delle proposte. Ma sembra tendere più di un’insidia ai suoi consumatori. Il ragionier Giovanni Bonardi ha scritto presso la redazione del giornale online "La Stampa", una interessante digressione sul tema, «condita» da qualche allarme e testualmente scrive: «Negli ultimi anni ho imparato a conoscere la cucina araba e ne apprezzo la semplicità e i gusti speziati.
Mi è capitato, nel corso di un recente viaggio all’estero, di gustare il kebab fatto con carne fresca e ho capito che ciò che siamo abituati a trovare a Torino, in effetti, non è che un lontano parente surrogato di quello originale. Ho approfondito la questione e ho verificato che i kebab “torinesi” sono quasi sempre surgelati e la carne di provenienza indubbia...." E qualcuno ha avanzato anche l’ipotesi che tra gli ingredienti della carne di un kebab doner si possano trovare cose disgustose come scarti di macelleria, ossa, denti, viscere "sporche", occhi, cartilagini e anche carne di topo. La questione è finita anche davanti alla Commissione europea, che però fa finta di nulla…   Di seguito vi mostrerò i risultati di due ricerche condotte in Inghilterra qualche tempo fa e che hanno riportato risultati preoccupanti. Guardate il video qui sotto è stato girato all'interno di un'industria produttrice di Donner Kebab e ci mostrano come lo producono.
 

Guardate che skifo ci fanno mangiare sotto "mentite spoglie"



Troppo grasso e qualche dubbio sulla carne. Secondo quanto è emerso dalla ricerca inglese, quel sapore appetitoso del kebab è dovuto al risultato della lavorazione della carne con quantità spropositate di grasso animale e spezie, ecco cosa inganna il palato. Questo ovviamente succede anche per gli hamburger che si mangiano da McDonald o altre schifezze del genere. Di seguito vedrete i risultati ottenuti dei nutrizionisti inglesi di LACOS (Local Authority Coordinators of Regulatory Services).
Lo studio LACOS è stato condotto su 494 panini acquistati in 76 aree della Gran Bretagna e del nord dell’Irlanda. Di ogni panino sono stati catalogati composizione della carne attraverso il DNA e valori nutrizionali.  
La composizione del kebab può variare da esercente ad esercente. Nella maggior parte dei casi si tratta di carne di pecora o di un miscuglio di manzo e pecora. Ma spesso vengono aggiunti tacchino o pollo in composizioni varie. Raramente ci si può imbattere in kebab di solo pollo (5,1% dei casi) o in kebab composto in parte da carne di maiale (1,2% dei casi).
 
Questa, seppure un’eventualità rara, è una truffa ai danni degli ignari consumatori musulmani per i quali la carne di maiale è tabù. A parte nei kebab realizzati con l’insieme di carni di vitello, pollo, tacchino, pecora, maiale, in circa il 9% dei casi non si è potuta individuare con chiarezza la natura della carne utilizzata nel processo di triturazione; un kebab contiene tra il 98% e il 277% della quantità accettabile di sale (l’arci-nemico dei vasi sanguigni), oltre la quale la nostra salute sarebbe a rischio. Solamente la carne del kebab contiene tra le 1.000 e le 1.990 calorie (senza considerare le verdure e le salse); solo la carne contiene tra il 148% e il 346% della quantità di grassi saturi assimilabili giornalmente da un corpo umano;
 
Ecco qui in basso la fonte di questa notizia:…
    Kebab composition


LA MIA TESTIMOMIANZA PERSONALE:

In confidenza vi dico amici miei che anche io ero una grande mangiatrice di kebab, ma alla luce di queste notizie ho dovuto riguardare la mia dieta, anche perchè ero convinta che il kebab fosse realizzato con carne di tacchino e pollo, dunque carne magra e poichè seguivo una dieta, andavo sul sicuro, convinta di far del bene alla mia linea.... ma infatti quell'anno aumentai di 5 kg in pochi mesi e col senno di poi la ritenzione idrica e gonfiori sulle ginocchie e caviglie erano molto diffusi, oltre alle vene delle gambe che stranamente quell'anno mi facevano male. Per "sgonfiarmi dalla ritenzione idrica" ho dovuto aspettare ben 3 mesi circa dall'ultimo kebab mangiato. Mia cognata Denira che ha vissuto in Libia per 15 anni, mi fece notare sin da subito che quello del Doner non era il vero kebab arabo, e che il sapore non era quello. Il vero Kebab è fatto da tante fettine di pollo e tacchino ben visibili, poste una sopra l'altra e coperte di spezie e non ha quella strana forma cilindrica così compatta. Dunque se volete mangiare un vero kebab, diffidate dalle imitazioni! Vi prometto che se riesco ad avere LA RICETTA ORIGINALE DEL VERO KEBAB, ve la pubblicherò qui sul blog. ;)TROVATA! QUICCA QUI PER VISIONARE 
     

Cerca nel sito