Una grande “NO” scritto alle spalle del Papa, a sua insaputa

  • 2014-02-04 15:22:29
Con un po’ di fantasia si riesce a fregare la security del Papa e a manifestare il proprio dissenso durante la Giornata Mondiale per la Gioventù: il tutto è immortalato nella foto più chiacchierata del festival PhotoEspaña.  L'Autore della silenziosa protesta è Julius Von Bismarck (aiutato dal collega spagnolo Santiago Serra), artista e fotografo che ha costruito una specie di proiettore portatile, passato senza problemi ai controlli di sicurezza. La tecnica elaborata da Von Bismarck usa un obiettivo da 35 mm con un sensore della luce incorporato, in grado di proiettare immagini su una superficie piatta non appena il sensore registra il flash di un’altra fotocamera. La proiezione è quindi sincronizzata con l’esatto momento dell’esposizione degli apparecchi vicini, che hanno inconsapevolmente fatto scattare il meccanismo. Migliaia di fotografi e cameraman presenti si sono chiesti, se fosse possibile che l’organizzazione dell’evento proiettasse un simile messaggio, dubbio reso ancora più misterioso dal fatto che a occhio nudo il “no” era invisibile, ma si poteva notare solo nelle foto e nei video di tutti i partecipanti.  Una di queste foto sta facendo parlare di sé al festival di foto più importante della Spagna, PhotoEspaña. Il fotografo tedesco non ama parlare delle proprie creazioni, perché sostiene che “le foto devono parlare da sole”. Prima del Papa, Von Bismarck ha sperimentato la sua invenzione su Obama (ricreando un pulpito davanti a lui proiettando l’immagine di un crocifisso durante un suo discorso a Berlino) e il volto di Mao in piazza Tienanmen, sul quale è comparsa una colomba della pace.   Al min. 1:51 la telecamera ha registrato il "NO" visibile solo su Video e foto, ma no ad occhio nudo.

Cerca nel sito