Affetta da Disturbo psicologico, convive con 15 personalità diverse

  • 2014-01-07 12:59:14
Kimi-Sands-disturbo-psicologico
Kimi Sands soffre di una condizione molto strana chiamata disturbo dissociativo dell'identità (DID) noto anche come disturbo psicologico multiplo della personalità. Ventitreenne, del Galles, condivide il suo corpo con 15 diversi personaggi, ognuno dei quali prende il controllo del suo corpo durante l'arco della giornata. Nei film, solitamente le persone affette da DID sono spesso dipinte come pericolosi criminali e serial killer. Ma fortunatamente non nel caso di Kimi. Al massimo chi le sta affianco (e in particolare il suo compagno Chris Lee), si vedrà costretto a farle tanti regali a Natale, al compleanno o durante altre occasioni: un dono per ogni personaggio che si nasconde nel  corpo e nella mente di Kimi, così non si offenderà nessuno! I personaggi di Kimi, infatti appartengono a diverse fasce di età e di diversa cultura e sesso. Tra loro c'è  per esempio il cuoco giapponese Satou di 22 anni; una ragazza di 17 anni di nome Fiona; due gemellini di 4 anni, Jack e Safyer; un uomo di 23 anni dello Yorkshire di nome Ashy e perfino Theodore, un ragazzo bisessuale di 15 anni.


disturbo-psicologico


Il fidanzato in un'intervista, dice che è perfettamente consapevole che vivere al fianco di una persona affetta da un disturbo psicologico non è cosa facile e semplice e che ci vuole molta pazienza. Ma poichè la ama, ha deciso di assecondarla in tutto, accettando anche quei personaggi, fantasmi della sua mente,  che fanno ormai parte integrante della sua personalità. Kimi d'altra parte sa di soffrire di questo disturbo psicologico e cerca di vincere il disagio, prendendo il buono dalla sua malattia, testualmente dice: "Sì, è un disturbo doloroso, ma i miei personaggi mi fanno sempre compagnia; c'è sempre qualcuno al mio fianco per tutto il tempo". E ancora: " Ho deciso anche di mettere i video su YouTube con tutti i personaggi, per dimostrare alla gente che il mio male interiore non è "assassino" e che il mio desiderio è di aiutare altri pazienti affetti come me dal disturbo multiplo della personalità, attraverso messaggi di motivazione e rassicurazione."

Cerca nel sito