Donna affetta da obesità grave, perde oltre 300 Kg

  • 2014-05-30 06:46:15
mayra5
Mayra Rosales fino a qualche anno fa, era considerata la donna più grassa del mondo, perchè pesava circa 500 Kg. Inferma su di un letto, impossibilitata a muoversi a causa dell'ammasso di carne che le impediva i movimenti, nel 2008 era passata agli onori della cronaca per essersi autoaccusata come l'assassina del suo piccolo nipotino Eliseo Jr. di soli due anni, morto in circostanze sospette.
mayra4
Il lungo e travagliato processo che l'ha vista coinvolta, ha portato gli esperti però a non credere alla versione data dalla Rosales, che affermava in un primo momento che il bimbo gli era caduto accidentalmente dalle braccia e che si era trattato quindi di un incidente. Dalle analisi autoptiche, infatti il cranio del bambino presentava delle incisioni da corpo contundente, ragion della quale gli inquirenti iniziarono a seguire la pista dell'omicidio colposo. E nel frattempo la grassa donna, impossibilitata a muoversi per il peso, se la "spassava a casa, comoda in un letto e a consumare cibo, anzichè scontare la sua pena in carcere", così come aveva affermato duramente la conduttrice di un programma americano che trattava del suo caso.
mayra6
I giudici in una sentenza, stabilirono quindi che la Rosales probabilmente ci stava "marciando sopra la malattia" e che non era giusto che un'assassina stesse ancora in stato di libertà. A spese dello stato, fu presto ricoverata e operata presso una clinica specialistica, dove gli furono aspirati oltre 12 Litri di grasso al giorno, affinchè venisse messa in salute e partecipasse fisicamente alle audienze. Ma la donna, dopo tanti anni di sofferenza per la malattia e stanca del biasimo della gente, alla fine decise di raccontare la verità, che nessuno si sarebbe mai aspettato: ad uccidere il piccolo Eliseo Jr. era stata sua sorella Jaime, madre del bimbo e lei pur di proteggerla affinchè non gli venissero sottratti gli altri 3 figli, si era accollata tutte le colpe,
 
Nel frattempo la sorella (foto in basso), pronta a trasferirsi negli U.S.A. con il marito, furono fermati prontamente alla frontiera dalla polizia e portati in tribunale per rispondere delle accuse. Confessò quindi dell'assassinio e fu messa in carcere per omicidio colposo, mentre la povera Mayra, da criminale passò a martire.
mayra-jaime-lee-rosales-edit
L'incubo finalmente cessò e la donna, dopo una lunghissima terapia di riabilitazione e cure, è tornata oggi a sorridere e più forma che mai: in 5 anni ha perso oltre 300 Kg e la foto in basso mostra com'è attualmente la donna.
mayra2

Cerca nel sito