Manichini con peli, nuova tendenza moda in America

  • 2014-03-13 12:35:42

biancheria-intima-peli-pubici6

A New York, il giorno 14 Febbraio S.Valentino 2014, nella vetrina di un piccolo negozio di Lower East Side a New York, sono comparsi manichini dai foltissimi peli pubici, in biancheria intima femminile... il tutto, per la gioia e l’orrore dei passanti!
biancheria-intima-peli-pubici4
Tale strategia commerciale per promuovere la nuova collezione intimo dell'azienda tessile statunitense di biancheria intima femminile, American Apparel, che ha pensato di attirare l'attenzione della clientela in maniera sfacciata e provocatoria, mettendo in evidenza - a detta loro - la "bellezza naturale" delle donne. Il manager del famoso fashion brand, Iris Alonzo, in un'intervista ha specificato: “vogliamo che venga stimolata la riflessione dei passanti, che cosa è realmente'sexy' - cioè, sfruttare le "caratteristiche naturali" della donna per mettere a proprio agio le clienti". E ancora ha aggiunto: "Soprattutto, vogliamo che provino alcuni dei nostri pezzi preferiti della nuova collezione intimo".
biancheria-intima-peli-pubici3
A quanto pare, il marchio di moda non è certo che voglia davvero scatenare la tendenza moda della donna dei peli superflui, considerati fra l'altro nella cultura americana, volgari e per le poco di buono: come precauzione, infatti, i manichini sono stati visibili solo in un negozio del quartiere. Al momento, le altre filiali della famosa azienda sparsi per tutta Manhattan e nel resto degli Stati Uniti, non hanno voluto emulare l'iniziativa dei loro colleghi, infatti i loro manichini sembrano passati perfettamente al tagliaerba! Segno che forse si è trattato di un semplice test per valutare le reazioni dei passanti. Ma le mode si sa, spesso nascono dal nulla e sono abbastanza contagiose. E a tal proposito Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si augura che una tale “provocazione” non diventi un fenomeno esportato anche qui da noi. Perché è davvero di cattivo gusto e privo di decoro. A tutto c'è un limite!

Cerca nel sito