Il MISTERO del "CLUB DEL 27"

  • 2014-03-17 12:15:39

Con la morte di Amy Wihehouse avvenuta il 23 luglio del 2011, si è riacceso il dibattito circa la "Maledizione del Club dei 27", un maledetto manipolo di grandi talenti della musica, morti apparentemente in modo casuale in circostranze sospette, all'età di 27 anni. Il 27 è considerato dai più, il numero della maledizione del rock:  a 27 anni muoiono grandi musicisti rock come Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison, Kurt Cobain e infine  l'icona del R&B Amy Winehouse, idoli che vivono una breve esistenza stretta nella tenaglia fra il geniale talento artistico e l'abuso di alcool e droghe. Tuttavia, uno studio pubblicato sul British Medical Journal nel dicembre 2011 ha concluso che la morte degli artisti sarebbe  del tutto casuale e questa leggenda metropolitana, solo  frutto di speculazioni mediatiche,  atte ad  alimentare solo l'interesse dell'opinione pubblica.

Ma da alcune fonti giornalistiche, si evince in realtà una sconvolgente rivelazione da parte della mamma di Kurt Kobein, Wendy O'Connor Fradenburg Cobain, che farebbe cadere la teoria della speculazione mediatica. In un'intervista al quotidiano The Daily World, la mamma di Kurt  sfoga la sua rabbia attraverso queste testuali parole: "Ora Kurt se n'è andato e si è unito quello stupido club!!  "Stupido!" - gli ho detto -  "non unirti a quel club stupido!!"  Ciò ci induce a riflettere che Kurt Cobain, dunque  intenzionalmente si sia voluto unire ai cospiratori del Club con l'avvenuta morte  nel 1994. Questo video, commentato dal canale "L'Inspiegabile", riassume brevemente la vita di questi artisti, morti all'apice del loro successo.

 

Cerca nel sito