Gli ANIMALI fanno BENE al CUORE....e non SOLO

  • 2014-03-24 15:56:00
Da uno studio scientifico della Kitasato University di Kanagawa, ne è derivato che cani, gatti, ma anche uccellini o conigli domestici, contribuiscono a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da malattie croniche come quelle cardiache.
pet_therapy_anzianijpg
Nello studio i ricercatori hanno tenuto sotto controllo nell'arco di 24 ore la funzionalità cardiaca di 200 pazienti affetti da ipertensione, diabete o colesterolo alto. Tra questi, chi possedeva un animale da compagnia si è dimostrato più capace di affrontare stress a chi non lo aveva. Più precisamente, i dati hanno evidenziato che nei soggetti che vivevano al fianco di un animale domestico, circa 4 persone su 10 presentavano una variabilità maggiore del battito cardiaco e questo provocava un effetto positivo sulle funzioni fisiologiche. Tale studio non è che una ennesima conferma dei ben conosciuti effetti della pet therapy presso gli anziani o nei confronti di soggetti affetti da patologie particolari come  l' autismo.

Animali come supporto sociale

Oltre ai dati scientifici è sotto gli occhi di tutti come l'affetto gratuito diretto di un cagnolino o di un micio di casa "scaldi" il cuore, faccia sentire, in molti casi, non solo gratificati, ma utili e vivi. Per non parlare poi dell'aspetto pratico. Chi tende a crogiolarsi nella propria malattia o depressione riceve uno stimolo benefico nel doversi occupare di un altro essere, nel doverlo ad esempio portare a spasso e accudire, avendo quindi più opportunità di mantenere un contatto con il mondo esterno e possibilità di stringere nuove  amicizie ai giardinetti o per strada con altri padroni di cani. Ma anche per chi è affetto da obesità, (sempre secondo altri studi) avere un cane può rappresentare uno sprone in più a cercarsi un ritaglio di tempo per  lunghe passeggiate con il proprio fedele amico a 4 zampe, facendo del bene a se stessi e indirettamente anche all'animale.
   

Cerca nel sito