La seduzione e i messaggi inconsci del corpo

  • 2014-03-26 10:35:06

seduzione-integrata

Il linguaggio del corpo tradisce ogni nostra emozione: sono segnali spontanei che indicano se esiste o meno l'interesse nei confronti di una persona. La seduzione si esprime attraverso due tipi di comunicazione, quella verbale e quella non verbale, costituita dall'insieme dei messaggi che il nostro corpo invia attraverso i gesti. Possiamo stilare un piccolo elenco tra i più significativi e facili gesti da riconoscere, prestando la giusta attenzione sia nel caso che dall’altra parte ci sia disponibilità sia in caso che non ci sia interesse. Per quanto riguarda i segnali positivi facciamo una prima suddivisione tra primo approccio e prima uscita.


I segnali del primo approccio possono essere:


  • Mettersi in mostra ruotando lo sguardo in giro spostandosi di frequente e accentuando le pose e le movenze più femminili/maschili;
  • Mantenere lo sguardo per un attimo se si viene guardati;
  • Se lui/lei si avvicina, tenere il corpo orientato nella sua direzione e, contemporaneamente, abbassare lo sguardo con fare “timido”
  • Anche se lui o lei dice qualcosa di scontato alle prime battute, sorridere e portare sempre nuovi argomenti di conversazione;    
  • Toccarlo/a con dei pretesti come per aggiustare il colletto o per attirare la sua attenzione, mantenendo poi il contatto fisico per qualche secondo;
  • Nel conversare, esporre il palmo della mano e piegare il polso all’indietro o toccare il petto o la spalla con il polso piegato;
  • Accarezzarsi l’avambraccio o ravvivarsi i capelli;
  • Soprattutto durante il contatto visivo, passare la lingua sulle labbra o tenere un dito in prossimità della bocca mentre si ascolta;
  • Portare più volte lo sguardo alle sue mani e alle sue labbra;
  • Inclinarsi verso di lui/lei con il busto e socchiudere leggermente o per qualche istante gli occhi.


Al primo appuntamento:


  • Guardare negli occhi per un periodo più lungo di quello dettato dalla cortesia. Occhiata falsamente casuale al corpo;
  • Aggiustarsi l'abito, ravvivarsi i capelli, sistemare la cravatta o il trucco;
  • Raddrizzare il portamento, petto in fuori e pancia in dentro;
  • Parlare lentamente e con tono pacato. La qualità della voce è tra le prime ad essere alterata dall'interesse verso un'altra persona;
  • Durante la conversazione sorridere spesso, annuire anche impercettibilmente, piegando il capo sulla spalla;
  • Tenere le braccia ben discoste dal corpo e le mani aperte;
  • Giocherellare con un oggetto (un bicchiere, un mazzo di chiavi, ecc.).

Nello specifico, i segnali tipici maschili sono:

  • Infilare i pollici nella cintura o nelle tasche dei pantaloni (si tende a puntare l'attenzione sui genitali);
  • Appoggiare una caviglia sul ginocchio dell'altra gamba.

Mentre i segnali tipicamente femminili sono:

  • Cercare un contatto apparentemente innocente (sistemargli il bavero della giacca, prendergli un polso per vedere l'ora);
  • Mostrare il palmo della mano e il polso, mentre con l'altra mano si accarezza i capelli o altre parti del corpo

I segnali che invece dobbiamo tenere in considerazione per capire che non c’è interesse dall’altra parte sono:


  • Ginocchia incrociate, gambe strette, piedi uniti;
  • Braccia incrociate sul petto;
  • Mani unite in grembo o che stringono uno il polso dell'altra, all'altezza del seno;
  • Coprirsi il viso con le mani;
  • Tenere un bicchiere in mano fra se e l'altra persona;
  • Toccarsi il naso o passarsi una mano sulla nuca guardandosi intorno;
  • Mordicchiarsi le labbra o muovere nervosamente un piede;
  • Evitare ogni contatto fisico, anche accidentale;
  • E' sempre incollato/a  alle amiche o amici o al gruppo con cui esce;
  • Voltare la testa o lo sguardo non appena si accorge che lui/lei sta guardando;
  • Dare troppo peso alle battute d’esordio e rimbeccare l’interlocutore se dice qualcosa di ovvio o di poco originale;
  • Tiene il busto rigido, l’espressione neutra e non annuisce quasi mai;
  • Se lui fa un complimento, mostra un'aria scettica o mette in dubbio la sua sincerità.

Concludendo, l'uso del linguaggio non verbale ha un ruolo importantissimo nella comunicazione con l'altro sesso. Nella maggior parte dei casi si tratta di segnali emessi e captati a livello inconscio e per questo più efficaci.  Con le parole si può mentire, col corpo no.

Cerca nel sito