Pasqua in Puglia: I Riti della Settimana Santa a Taranto

  • 2014-03-19 18:52:15
Ciao amici, approfitto per farvi gli auguri delle Palme ;) Dato che ci troviamo nel periodo Pasquale vorrei parlarvi di una tradizione molto antica e singolare che si svolge nella mia città a Taranto durante la settimana Santa: LA PROCESSIONE DEI MISTERI.

Per chi ancora non la conoscesse, si tratta di una processione nella quale i confratelli, vestiti con l'abito tradizionale dei Perdoni, procedono a ritmo lentissimo a piedi scalzi, accompagnati dalle marce funebri. La processione è composta dalla Troccola, strumento che apre la processione, da poste di Confratelli del Carmine che hanno il compito di trasportare sulle spalle le statue che simboleggiano la Passione di Cristo, dai perdoni che camminano in coppia precedendo e seguendo le statue e vi sono inoltre tre coppie di poste sistemate davanti alle statue con i sette Mazze che hanno il compito di mantenere ordinata la processione e di sostituire i confratelli in caso di necessità. Come dicevo prima, percorrono il tragitto a piedi scalzi seguendo un percorso molto lungo e a passo lentissimo, tenendoli impegnati fino a 12 ore di fila.

CENNI STORICI

I riti della Settimana Santa ha radici molto antiche che risalgono all'epoca della dominazione spagnola. Furono introdotti a Taranto dal patrizio tarantino Don Diego Calò, il quale nel 1603, fece costruire a Napoli le statue del Gesù Morto e dell'Addolorata. Nel 1765 il patrizio tarantino Francesco Antonio Calò, erede e custode della tradizione della processione dei Misteri del Venerdì Santo, donò alla Confraternita del Carmine le due statue che componevano la suddetta processione, attribuendole l'onore e l'onere di organizzare e perpetrare quella tradizione cominciata circa un secolo prima.

SE SIETE NELLE VICINANZE DI TARANTO FRA GIOVEDI' E VENERDI' DELLA PROSSIMA SETTIMANA, VI CONSIGLIO DI FARE UN SALTO, E' DAVVERO UNA COSA INSOLITA E PARTICOLARE DA VEDERE, OLTRE  CHE DI IMPORTANZA SPIRITUALE A TUTTI I CATTOLICI.
 

Cerca nel sito