Rituali STRANI della settimana santa nel mondo

  • 2014-03-12 12:41:32

rituali-settimana-santa-mondo

Girando per la rete, ho notato che esistono diversi rituali, alcuni forse un pò bizzarri, celebrati in occasione della settimana santa, in diverse parti del mondo, di diverse culture. Vediamoli insieme.

 Rituale settimana santa in Spagna a Siviglia

La Settimana Santa è una delle feste più tradizionali e radicate che si celebrano in tutta la Spagna. Durante la celebrazione, che rievoca secoli di storia e tradizione, si commemorano la passione e la morte di Gesù Cristo. Le strade della maggior parte delle città e dei paesi della Spagna diventano lo scenario del fervore e della devozione religiosa, momenti in cui al dolore e al raccoglimento per la morte di Cristo si mescolano l'arte, il colore e la magia di solenni processioni, nelle quali la folla segue commossa le sacre immagini. La presenza di uomini incappucciati di nero, caratterizzano la processione, animata dal suono di bande popolari che percorrono le vie strette della città.

Rituale settimana santa in Grecia : Il "Judas Burning" (Giuda Bruciato)

Si tratta di un rito particolare: ogni domenica di Pasqua nelle vie della città, viene fatto sospendere in aria un fatoccio, che rappresenterebbe simbolicamente Giuda Iscariota. Appeso dal collo, il fantoccio viene poi dato fuoco, alla presenza del popolo, a voler simboleggiare la punizione di Giuda per aver tradito Gesù. Questa in realtà è una tradizione antichissima che va avanti di generazione in generazione, anche se  nel corso degli anni, al fantoccio è stato  attribuito un secondo significato di punizione simbolica popolare attribuita ad eventi sociali rilevanti che hanno avuto un grande impatto sul popolo greco. Nella maggior parte dei casi, il " tema" è soggetto a cambiamenti, di anno in anno, e sempre in funzione, a qualsiasi evento significativo, che ha portato a disordini sociali rilevanti. Ad esempio, il tema di quest'anno  è stato,  il "tradimento" del governo tedesco nella persona della signora Merkel, per aver  portato la Grecia nell'attuale crisi economica. Ecco la punizione che la Merkel (nelle vesti del fantoccio) dovrebbe meritarsi per i greci.

Rituale settimana santa nelle Filippine: SALUBONG - San Jacinto Masbate Ticao

La mattina di Pasqua (Pasko / Linggo ng Pagkabuhay) è caratterizzata dalla gioiosa cerimonia dell'alba, chiamata Salubong (filippino: "incontro"). Le statue (di norma a grandezza naturale) del Cristo Risorto e della Vergine Maria, sono presenti in due cortei distinti che iniziano in punti diversi della città, per poi congiungersi in una zona apposita chiamata "Galilea", di solito ubicata presso la piazza antistante della chiesa . COn questa cerimonia, si rievoca simbolicamente l'incontro di Gesù risorto e di sua madre Maria. La Vergine Maria, vestita di nero esprime il suo lutto. Una ragazzina che rappresenta un angelo,  sospesa su una piattaforma,  canta il Regina Coeli in latino o in volgare;  poi con un gesto toglie il  velo nero alla vergine, a significare la fine del suo lutto. Da quel momento in poi la Vergine viene chiamata "Nuestra Señora de Alegria",  cioè Nostra Signora della Gioia. Il momento è caratterizzato da rintocchi di campane, musica gioiosa e fuochi d'artificio, e subito dopo a seguire,  la celebrazione della santa messa di Pasqua in chiesa.

 

Rituale settimana santa in Etiopia: "Ethiopian Fasika" (Pasqua) 

In Etiopia,  nel giorno di Pasqua la gente si reca in chiesa per ascoltare la messa, portando con sè un cero acceso. I cristiani ortodossi dopo aver digiunato durante un periodo di quaresima che dura 55 giorni, a fine messa tornano a casa e rompono il digiuno con  carne di pollo o agnello, macellato la sera prima, accompagnato da injera e bevande tradizionali (cioè tella o tej). Come Natale, Pasqua è anche un giorno di ricongiungimento familiare, espressione di auguri con scambio di doni (agnello, capretto, o pagnotta di pane). Il video, ci mostra come si svolge una classica ethiopian fasika.

Rituale settimana santa in Pampanga (Filippine): "Crocifissione dal vivo"

Si tratta di un rituale cruento e doloroso difficile da gestire, anche per gli stessi spettatori: alcuni uomini coraggiosi decidono di ripercorrere sulla propria pelle la passione  di Cristo, decidendo di farsi flagellare scientemente, altri di farsi trapassare piedi e mani da enormi chiodi acuminati,  proprio come il Cristo. Questo è il rituale di pasqua più estremo e cruento che la storia conosca, criticato e non ammesso dalla stessa chiesa cattolica. Ma intanto a Pampanga questo rito continua a ripetersi tutti gli anni.

ATTENZIONE IL VIDEO CONTIENE IMMAGINI CRUENTI, NON ADATTE AD UN PUBBLICO SENSIBILE

Cerca nel sito