STRIGORA: La FESTA delle STREGHE

  • 2014-02-23 18:27:14
strigora3_102030
Esistono luoghi che, grazie alla loro storia, hanno un’atmosfera particolare, di mistero e silenzio, che riescono a sfuggire ad ogni tentativo di commercializzazione. Triora (IM - Liguria), borgo arroccato a 780 metri sul livello del mare, meglio conosciuto come il Paese delle streghe, è uno di quei luoghi, dove passeggiando per i suoi caruggi, si viene magicamente catapultati alla fine del 1500, all’epoca dei processi alle streghe, quando diverse donne del paese furono torturate e processate dall'Inquisizione con l'accusa infamante di praticare la stregoneria. Per  rivalutare la figura delle bagiue, come vengono chiamate le streghe nel dialetto locale, dal 2001, ogni anno, nella domenica dopo Ferragosto, si usa festeggiare la "Strigora", una giornata dedicata alla magia, agli spettacoli, alle ricette segrete e alle rievocazioni storiche, che trasformano il paese in un palcoscenico a cielo aperto, dove si respira un’atmosfera d’altri tempi.
 

"Strigora"

 
All'imbrunire della notte poi una rinomata compagnia teatrale locale "Il Teatro del Bancherori" riproduce fedelmente, attraverso una rappresentazione teatrale, il famoso "Processo alle streghe" nella piazza centrale del Paese, teatro di barbarie ed esecuzioni pubbliche, come documentato da archivi storici.
 

Triora, processo alle streghe

(Witch Trials - commemorative celebration)

Leggenda o realtà?

Alla fine dell'estate 1587 nel piccolo borgo medievale di Triora, da circa due anni la gente non aveva più di che sfamarsi e nel giro di pochi giorni alcune donne che abitavano alla periferia del paese furono ritenute responsabili di questa presunta carestia.
L'accusa? Essere streghe, o meglio bagiué (secondo il dialetto locale). La piazza centrale del paese, fu presto  teatro di intrighi che portarono al processo e alle prime accuse contro ben tredici donne e un fanciullo. Si procedette alle torture e le accuse estorte durante gli interrogatori portarono in carcere altre donne. Nel popolo cominciò a serpeggiare un certo malumore , come se il tanto invocato intervento delle autorità cominciasse a spaventare per la ferocia. Infatti nel 1588, più precisamente a gennaio, altre trenta donne furono incarcerate e questa volta non c'era solo il coinvolgimento dei ceti più umili. I tormenti non risparmiarono nessuna, come riferiscono sempre gli Anziani che parlano appunto di "matrone". Che fine fecero le streghe di Triora? Morirono in carcere o furono liberate? Le condanne per presunte stregonerie causarono davvero la morte al rogo in questa Piazza delle fanciulle e addirittura anche del ragazzino? Da qui in poi il loro triste destino sprofonda nell'oblio del tempo per la mancanza di documenti.
 
   

 

Cerca nel sito