Info

Come sfruttare al meglio le opzioni binarie

forex trading opzioni binarie

Tutto ciò che ti occorre sapere sulle opzioni binarie in pochi e veloci concetti

Investire nelle opzioni binarie del mercato valutario è un argomento che, specialmente per chi non è coinvolto nel settore, a primo impatto, potrebbe sembrare difficilissimo e impenetrabile. Se poi si cerca di capire qualcosa consultando specifici siti online, alcuni appaiono talmente complessi e “labirintei” che anche Teseo con tutto il filo di Arianna si perderebbe ancor prima di addentrarsi. Naturalmente ci piace il buon umore, e a parte gli scherzi, pensiamo che questa breve guida introduttiva possa interessare proprio te, che cerchi l’essenziale e ti soffermi su concetti pratici e veloci.

Parliamo di opzioni binarie

Cosa sono e come funzionano

Le opzioni binarie sono degli strumenti finanziari derivati (detti anche asset o sottostanti), utilizzati nel mercato del forex, che possono identificarsi in una materia prima, un contratto per differenza (CFD), o una valuta. Attraverso di esse, il trader “punta” una determinata somma di denaro facendo una sorta di previsione su come andrà l’andamento di mercato, ovvero se il prezzo di partenza subirà un rialzo o un riabbasso, in un arco di tempo prestabilito (da 60 secondi fino a 1 mese). Se l’intuizione sarà giusta, ci sarà stato un GUADAGNO, viceversa una PERDITA. Se pensi che puntare sulle opzioni binarie sia a caso come giocare i numeri al lotto, ti sbagli di grosso. Il sistema, infatti, necessita di attente analisi, strategie finanziare e di un certo fiuto negli affari che si potranno sviluppare soltanto nel tempo e con l’esperienza.

Come si classificano

Le opzioni binarie possono dividersi in tre categorie fondamentali:

– Alto/basso (o sotto/sopra). Con questa opzione si determina a priori se il prezzo di partenza di un sottostante, secondo noi, subirà un calo o un incremento di valore alla scadenza, rispetto a quando abbiamo acquistato o venduto;

– Tocca/No. Con tale modalità, si cerca di intuire se il valore di un titolo raggiungerà o meno una soglia prestabilita, entro una certa scadenza.

– In/Out (Interno, Esterno). Detta anche range o intervallo, permette di prevedere se il valore di un sottostante resterà all’interno o all’esterno di un determinato parametro di valore, fissato anticipatamente.

Naturalmente con questi strumenti finanziari vale la stessa regola che le “scommesse” possono si, condurre a grossi guadagni, ma anche a ingenti perdite. Sarà premura, dunque, per l’inesperto evitare di investire grandi quote, cercando di raffinare quanto più le strategie finanziarie che disciplinano le opzioni binarie (tutorial e tattiche di trading https://eu.iqoption.com/it/tutorials ).

Cos’è il forex e come funziona

Il forex trading è uno strumento finanziario a breve termine di altissima liquidità e volatilità, incentrato principalmente sull’acquisto e vendita di valute in relazione alla variazione giornaliera dei prezzi di mercato. Le valute vanno sempre in coppia (EUR/USD, USD/JPY, USD/GBP, AUD/USD, EUR/GBP) e gli affari consistono nella possibilità di guadagnare sulla speculazione ottenuta dal cambio fra le due monete, durante una sessione di compra-vendita delle stesse. L’operazione può durare minimo 60 secondi (per questo si dice che è volatile) e la si può compiere nelle 24 ore, meglio quando il mercato è molto trafficato così da avere maggior controllo sull’evoluzione del prezzo (liquidità). Anche se il meccanismo del forex è pressappoco simile alla Borsa, la differenza consiste nel fatto che il primo non ha una sede fisica, ma opera telematicamente attraverso un circuito bancario. L’investitore può, dunque, interagire dal PC, monitorando un grafico che riporta le costanti fluttuazioni in aumento e in ribasso dei tassi di cambio, in tempo reale. Scelta la coppia di valute, il trader cercherà di intuire quale delle due aumenterà di valore nel corso della sessione e quale invece subirà un ribasso in un certo limite di tempo. Se la previsione sarà giusta, ci sarà stato un GUADAGNO, viceversa, una PERDITA. E’ più facile da farsi, che a dirsi.

Forex e opzioni binarie sono la stessa cosa?

No, non sono proprio la stessa cosa. Il Forex opera nel campo delle valute, mentre le opzioni binarie trattano anche altri tipi di titoli (indici, azioni, materie prime). Avere a che fare con quest’ultime, tuttavia, risulta molto più facile che col forex, poiché il trader si limiterà a fare la sua previsione con le sole funzioni di Call (se entro il termine della sessione pensa che il prezzo di un asset su cui ha puntato tenderà a salire in “alto” rispetto a quando ha acquistato) e di Put (investe su un’opzione che tenderà a scendere in “basso” rispetto a quando ha venduto).
Il forex, tuttavia, a vantaggio delle prime, garantisce la possibilità di chiudere la sessione anticipatamente se le analisi non dovessero volgere nel verso giusto, tutelando così il capitale da un eventuali rischi. C’è da dire, che con le opzioni binarie, il trader è ben consapevole dell’importo che mette a “rischio”, poiché il risultato finale, nonostante la variazione del valore del bene, non subisce alcuna azione.

A tutta risposta, il forex offre il vantaggio di godere della così detta leva finanziaria, altro che un “prestito anticipato” da parte di un broker (intermediatore finanziario) verso l’investitore che volesse aprire una nuova posizione di mercato con una quota più sostanziosa e che in quel momento non dispone.
Naturalmente questo nuovo scenario, regolato da norme ben precise, concede maggiori possibilità di triplicare guadagni, ma allo stesso tempo espone anche al rischio di ingenti perdite. Insomma, sia le opzioni binarie che il forex hanno i loro vantaggi e svantaggi, quindi sarà opportuno capire bene la disciplina, prima di cimentarsi in questo complesso campo. A tal proposito alcuni siti di trading dispongono di demo gratuiti di simulazione per esercitarsi e diventare esperti trader https://eu.iqoption.com/it/demo.