Info

Iniezioni di plasma: il nuovo metodo antietà per le rughe

iniezioni al plasma rughe

L’ultima scoperta della scienza dermatologica: le iniezioni di plasma. Tutto l’essenziale che ti occorre sapere

La scienza ha fatto passi da gigante anche nel campo della dermatologia con l’introduzione di una nuova tecnica non invasiva utilizzata per contrastare le rughe in modo più naturale: le iniezioni di plasma. Ma di che cosa si tratta esattamente? E quali sono i vantaggi e svantaggi di questa innovazione estetica? Il PRP (Platelet-rich plasma – appunto “plasma ricco di piastrine”) a differenza della chirurgia plastica tradizionale, sfrutta l’azione rigenerante del sangue stesso per rinvigorire la cute atrofizzata dai normali processi fisiologi d’invecchiamento.

Combattere rughe e segni del tempo con il PRP: Vantaggi e svantaggi, costi e frequenza delle sedute

Come funziona la Biorigenerazione cellulare contro le rughe

Utilizzata già dagli ’90 nel campo dell’ortopedia per stimolare la riparazione dei tessuti muscolari degli atleti infortunati, oggi questa nuova tecnica trova riscontro anche in altre branche della medicina, ed in particolare nella:

1. chirurgia maxillo-facciale;
2. riparazione di alcuni nervi lesionati;
3. danni al cuore;
4. forme di calvizie.

Si tratta di prelevare dai 10 ai 60 ml di sangue (dipende l’estensione della cute da trattare) e sottoporlo nella centrifuga da laboratorio al fine di separare le piastrine dai globuli rossi e dal resto del materiale sanguigno. Si ottiene così un plasma arricchito (Platelet Gel), concentrato da 2 a 5 volte più della norma, al quale viene aggiunto uno specifico attivatore piastrinico che consente la liberazione di granuli contenenti i fattori di crescita che richiamano le cellule staminali, responsabili del rinnovamento cellulare e, di conseguenza, all’attenuazione delle rughe. Con apposite siringhe, si effettuano infiltrazioni sulle zone da trattare; il liquido avanzato potrà essere conservato a una temperatura di -30° per i successivi trattamenti. Il video allegato sotto dimostra come si svolge una normale seduta di PRP.

Le iniezioni di plasma sono davvero efficaci per contrastare le rughe? I Miti da sfatare

– PRO. Riduzione progressiva delle rughe più superficiali e l’attenuazione di quelle medie e profonde. I contorni del viso diventano più turgidi e la grana della pelle migliora in maniera drastica; è una pratica sicura e non dannosa alla salute perché deriva dalla persona stessa; non ci sono rischi di allergie ed intolleranze; non stravolge la naturalezza dei tratti;

– CONTRO. I medici sono i primi a disilludere chi si aspetti grandi miracoli. Il Prof Rinaldi specialista dermatologo, intervistato dalla giornalista Maria Teresa Veneziani del Corriere, a tal proposito afferma: «Nel trattamento antinvecchiamento PRP non ci sono magie; una quaranta-cinquantenne non deve aspettarsi di ritornare come a 20 anni. Il risultato è comunque significativo almeno sull’80% dei casi». Il trattamento, dunque, ha una validità limitata. Tuttavia si stanno proseguendo studi per arricchire il siero e aumentare la sua efficacia nel tempo.

Rughe e iniezioni di plasma: a chi è controindicato

Le infiltrazioni di PRP usate per riparare rughe e segni del tempo sono sconsigliate – ma non impossibili – soltanto in alcuni casi:

– pazienti con patologie importanti a carico del sangue (emostasi);

– chi assume regolarmente farmaci anticoagulanti come aspirina, eparina o coumadin (occorrerà sospendere la cura almeno 1 settimana prima del trattamento);

– infezioni in corso;

– in caso di tumori, poiché vi è la possibilità che la neoplasia possa svilupparsi maggiormente a causa dei fattori di crescita presenti nel siero.

Siero sanguigno per combattere le rughe: dove, quando e… quanto mi costi?

Una seduta di PRP ha una durata totale di circa 60 minuti, dal prelievo, all’infiltrazione. Non lascia alcun segno e i risultati sono apprezzabili a distanza di 15 giorni (anche se il massimo della performance si ottiene dopo circa un mese). Il secondo richiamo si effettua a un mese e mezzo di distanza e poi si prosegue con il mantenimento a cadenza quadrimestrale o semestrale (a seconda della gravità). Per un trattamento di PRP è sempre buona premura scegliere ambulatori medici attrezzati che utilizzino i fattori di crescita sotto la stretta osservazione di un ospedale di riferimento della zona. A tal proposito vi consigliamo di rivolgervi alla Clinica Dermo Estetica di Milano ( http://www.clinicadermoestetica.it/prp.php ) del Dott. Fabio Caprara, sicuramente una delle poche realtà nazionali specializzate in ambito PRP. Il costo della seduta può variare, dalle €280 (palpebre e contorno occhi) alle €500 per il trattamento classico. Mentre, il nuovissimo PRP Multilayer, che prevede l’utilizzo sinergico di ultrasuoni focalizzati, tossina botulinica e filler, ha un costo che arriva anche a sfiorare le €650 a seduta.

Ormai i progressi della scienza ci permettono via, via di ottenere trattamenti mirati di successo per la correzione di inestetismi e rughe, in modo naturale e meno invasivo possibile, i cui risultati siano più vicini alle aspettative di chi desidera rinvigorire l’aspetto, senza apparire “rifatto”.

  • Altri link:
  1. http://27esimaora.corriere.it/articolo/vi-fareste-vampirizzareper-cancellare-qualche-ruga/
  2. http://www.cibo360.it/sport/medicina_sportiva_riabilitazione/plasma_ricco_di_piastrine_PRP.htm
  3. http://www.bellisubito.com/make-up-e-estetica/iniezioni-di-plasma-prp-trattamento-anti-aging-per-una-pelle-senza-rughe/